ANPI BAZZANO (BO)

Sezione 63° Brigata Bolero

  • 63° Brigata Bolero

  • Calendario

    aprile: 2010
    L M M G V S D
    « Mar   Mag »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Categorie

  • Archivio

Che Vergogna!

Posted by anpibazzano su 24/04/2010

Chiunque a Bazzano ha, tristemente e senza portare rispetto, strappato i manifesti/bandiere tricolore con su scritto W La Resistenza è veramente un incivile per non dire altro! Come neo-segretario dell’ANPI di Bazzano condanno il gesto in prima persona sperando che ciò non sia frutto dell’odio che si sta manifestando nella nostra nazione negli ultimi tempi. Per qualcuno forse non significherà niente questa mera provocazione, ma di certo non può passare inosservata!

Una sola parola agli autori di tale offesa…Vergognatevi!

Io Resisto…e Voi ?

Riccardo Sandri, segretario ANPI Bazzano!

Annunci

7 Risposte to “Che Vergogna!”

  1. Leda said

    Bravo Riccardo, mi unisco al tuo sdegno, spero solo che facciano altrettanto TUTTE le forze politiche di Bazzano e anche il nostro Sindaco che ci rappresenta tutti.
    Resistere, resistere, resistere
    leda

  2. SILVIA said

    Personalmente trovo che questi “gesti” lascino trasparire la mediocrità e l’inconsistenza di chi, ignorando il significato storico di questa ricorrenza, non ha nemmeno il coraggio di dire apertamente che non condivide e non ha rispetto per le origini storiche del nostro Paese e per il contributo che, da tante parti (forze moderate, di sinistra, laici, sacerdoti…) è stato dato affinchè l’Italia assumesse i connotati di cui tutti dovremmo essere fieri, riassunti nella nostra MERAVIGLIOSA CARTA COSTITUZIONALE.
    Provo molta vergogna per queste “persone” e non tollero che passi il messaggio che a Bazzano ci si deve “rassegnare” di fronte a un tale abbrutimento civile e culturale.

  3. cagnaccio said

    Iniziamo con un saluto a tutti
    poi sull’argomento voglio sperare che si tratti di una marachella di qualche ragazzino che annoiato abbia pensato bene di svegliarsi dal torpore primaverile con questa azione veramente Coraggiosa!! e spero sia veramente così!! Se così non fosse allora siamo messi veramente male!!
    Mi unisco allo sdegno di tutti Voi e confido,come già hanno espresso Leda & Silvia,in un unico Coro di sdegno da parte di tutta la Comunità Civile bazzanese.
    P.S.
    Sarebbe una sconfitta di tutti se si dovesse fare la guardia ai volantini di una ricorrenza così importante come il 25 Aprile.
    Un abbraccio dal Cagnaccio

  4. Anonimo said

    Nel condannare in modo fermo questo gesto,chiedo a tutta la società civile,l’amministrazione,i partiti,le associazioni,la scuola,di non sottovalutare o ridurre il tutto a una semplice “ragazzata”,perchè questo è,a mio modo di vedere,il chiarissimo sintomo di una sottocultura civica e storica,che non solo và deprecata,ma che bisogna contrastare con le armi del dialogo e del fare memoria.
    Si deve insegnare ai nostri ragazzi,che ci sono valori inviolabili,e che i simboli che li rappresentano debbono essere rispettati!
    Non ci può essere spazio e non si può essere tolleranti di fronte a questi episodi!La condanna deve essere ferma e dura!
    Una società civile che non fissa dei paletti,oltre i quali nessuno deve andare,è una società condannata al degrado civico e alla sua scomparsa.
    Se pensiamo che si sia trattato di una “bravata”di ragazzi annoiati,dobbiamo prendere atto che qualcosa abbiamo sbagliato come società nell’educare i nostri ragazzi,quindi dobbiamo prendere atto che c’è tanto lavoro da fare!
    Da parte nostra,siamo sempre stati e sempre saremo disponibili,se chiamati,ad andare nelle scuole a testimoniare i valori che la Resistenza ci ha lasciati in eredità,e a far capire ai giovani,quanto sia costato riavere la libertà.
    un saluto resistente
    doriano

  5. doriano said

    per errore non ho scritto il nome nel commento,”nel condannare….”chiedo scusa
    doriano

  6. Federico Cavallieri said

    Ringrazio Riccardo e tutta l’ANPI di Bazzano per questa importante presa di posizione.

    Uscire di casa il 25 aprile e vedere i manifesti strappati mi ha veramente fatto molto male.

    Allo stesso tempo mi consola sapere che, giorno dopo giorno, anno dopo anno, saremo sempre in tanti ad attaccarne di nuovi. E che continueremo a farlo anche per chi oggi li strappa pensando che siano cosa d’altri, senza capire che invece sono anche cosa sua.

    Un caro saluto

  7. Giampaolo said

    un caro saluto a tutti
    mi associo alla condanna di un gesto cosi GRAVE E STUPIDO, e se fosse stato anche fatto da qualche ragazzino annoiato é perchè probabilmente questo ragazzino non sa nulla della RESISTENZA, della guerra e di quelle pagine terribili che sono state il ventennio fascista, e per questo che mi sento di ringraziare
    pubblicamente la maestra LIA BONAIUTI della claeese 5B elementare di Bazzano e tutte le maestre che hanno insegnato ai propri alunni quelle pagine di storia, anche se il programma non lo prevede, trasmettendogli l’importanza di ricordare quei giorni perche’ non si ripetano piu’.
    GIAMPAOLO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: